People Also Ask box: Suggerimenti per l’ottimizzazione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Le PAA (People Also Ask) box compaiono in quasi la metà di tutte le ricerche. Ecco come funzionano e come i SEO possono utilizzarle a loro vantaggio.

Da quando è comparso per la prima volta nel 2015, il box People Also Ask (PAA) – “Le persone cercano anche” – è diventato un aspetto familiare nei risultati di ricerca. Così familiare, infatti, da apparire sia nei risultati di Google che di Bing, con la precedente ricerca del motore di ricerca che la presentava nel 49% di tutte le ricerche, secondo uno studio su un set di dati di un milione di parole chiave di Olga Andrienko di SEMrush. Ciò significa che il box PAA appare circa quattro volte più frequentemente nei risultati di ricerca rispetto ai snippets in evidenza, che mostrano in poco più del 12% dei risultati, come ha rilevato uno studio di Ahrefs.

Data la loro prevalenza, i box “People Also Ask” offrono l’opportunità di migliorare le vostre prestazioni di ricerca organica, generare idee di contenuti e molto altro ancora. Di seguito, troverete ciò che dovete sapere per far funzionare i box PAA per le vostre strategie e i vostri obiettivi di marketing.

Una breve panoramica sul box PAA

Il box PAA comprende generalmente da tre a quattro domande relative all’argomento della richiesta dell’utente. Google può far emergere il PAA box per diversi tipi di intento di ricerca. Secondo SEMrush, appare nei primi tre risultati per il 75% delle volte.

Quando un utente clicca su una domanda nel box PAA, all’interno del box viene mostrata una risposta insieme ad un link alla pagina web che contiene la risposta. Le risposte vengono solitamente fornite sotto forma di testo, ma Google ha rilevato anche dei video di prova nel PAA box.

Oltre che rivelare le risposte, cliccando su una domanda si generano dinamicamente altre domande relative a quella che l’utente ha cliccato. Non sembra esserci un limite al numero di volte in cui un utente può cliccare su una domanda e generare altre domande PAA.

Come si è evoluto il PAA box

Dalla sua introduzione, il PAA box è stato aggiornato per fornire agli utenti risposte più precise come pure risposte a domande alle quali forse non avevano ancora pensato di fare. Questi sviluppi indicano che il PAA box non se ne andrà via molto presto.

Caricamento dinamico. Nel 2017, il PAA box di Google ha ottenuto il caricamento dinamico, consentendo al numero di domande mostrate all’utente di crescere oltre le tre o quattro iniziali. Come già detto, le domande aggiuntive sono correlate a quella su cui l’utente aveva cliccato la prima volta.

Il caricamento dinamico dei PAA box permette agli utenti di esplorare i risultati della ricerca cliccando su altre voci per trovare le informazioni che stanno cercando invece di cliccare sui risultati tradizionali e poi sfogliare la pagina.

Man mano che l’elenco delle informazioni PAA cresce attraverso l’interazione dell’utente, le liste che appaiono sotto il box PAA vengono spinte ulteriormente verso il basso della pagina.

Identificazione delle coppie domanda-risposta. Il box PAA di Bing utilizza modelli di linguaggio naturale per identificare le coppie domanda-risposta all’interno dei documenti. Quando questi documenti appaiono sui risultati della ricerca, le coppie domanda-risposta generate, insieme a domande simili che sono state precedentemente poste dagli utenti, vengono utilizzate per alimentare il box PAA.

Questo aiuta Bing a generare domande e risposte in assenza di dati cronologici degli utenti.

Come rendere il PAA box funzionale per il vostro marchio

Sensibilizzazione al marchio e al traffico. Quando gli utenti cliccano sulle informazioni PAA, sono esposti ai marchi come fornitori di informazioni e possono cliccare sulle relative risposte per saperne di più.

Data la loro posizione tipicamente in alto nei risultati di ricerca, il PAA box fornisce ai marchi e ai SEO un’opportunità di visibilità in una sezione cruciale della pagina dei risultati. E, a differenza degli snippet in evidenza che sono stati centuplicati nel corso di quest’anno, è possibile che lo stesso URL appaia come una tradizionale lista organica sulla prima pagina dei risultati di ricerca di Google così come nel PAA box. È anche possibile che le pagine web che non compaiono nella prima pagina dei risultati di ricerca di Google possano essere incluse nel PAA box, offrendo ai siti degli spazi altamente competitivi con un’opportunità di visibilità in prima pagina.

Ricerca di contenuti e parole chiave. Il PAA box può fornire informazioni su domande che gli utenti possano avere sul vostro settore o sui vostri prodotti o servizi. Esaminando le risposte corrispondenti si può anche sapere che tipo di contenuti Google considera degni di essere scoperti e chi potrebbero essere i vostri concorrenti.

Queste informazioni possono poi essere utilizzate per orientare la vostra strategia di contenuto e/o migliorare il contenuto esistente in modo che possa apparire in un box PAA. Inoltre, gli intenti di ricerca che si riflettono nel PAA box possono fornire un’idea di ciò che gli utenti possano aver pensato quando hanno digitato quei particolari termini di ricerca.

Come ottenere risposte nel PAA box

I criteri utilizzati per determinare quali contenuti possano servire come risposte in un PAA box fanno parte degli algoritmi dei motori di ricerca, il che significa che non sappiamo esattamente cosa ci serve al di là degli schemi che i SEO hanno identificato. Fortunatamente, i modelli identificati suggeriscono che fornire un’esperienza utente positiva, che dovrebbe comunque essere prioritaria, può aiutare il contenuto ad atterrare in un PAA box.

Nel suo articolo “L’esplosione del PAA: Rispondere alle domande è il nuovo modo di dominare la ricerca” , Ryan Johnson offre la seguente guida:

  • Scrivete domande e risposte complete. Assicuratevi che ad ogni domanda corrisponda una risposta completa.
  • Usate un linguaggio semplice.
  • Evitate un linguaggio da venditore.
  • Aggiungete lo schema delle domande e risposte.(Q&A)

Dovreste anche sforzarvi di essere il più concisi, ma accurati possibile – lo studio di SEMrush ha riscontrato che c’erano solo 41 parole per ogni risposta di paragrafo, con la risposta più lunga incontrata che era di 132 parole.

Per sfruttare ulteriormente la natura espansiva del PAA box, considerare l’aggiunta di domande e risposte successive sulla stessa pagina.

Mentre l’implementazione dello schema sulle vostre pagine non garantisce che otteniate un annuncio PAA, l’aggiunta di Domande, Q&A Page, FAQ, How-to e dati strutturati possono aiutare i motori di ricerca a discernere di cosa trattano le vostre pagine e aiutarle ad emergere nel caso di domande pertinenti.

Dove vedere i rapporti sulle vostre liste PAA

I dati sulle impronte e sui clic che arrivano attraverso le vostre inserzioni PAA sono disponibili solo all’interno di Google Search Console (GSC) quando il box PAA viene aperto per visualizzare la vostra risposta. E, tutti i link all’interno di ogni singolo elemento della pagina dei risultati di ricerca hanno la stessa posizione, Glenn Gabe di G-Squared Interactive ha spiegato nella sua guida alla demistificazione dei click, impressioni e posizionamento in GSC.

Ciò significa che se il PAA box figura in seconda posizione, il vostro annuncio all’interno del PAA box sarà riportato nell’SGC come seconda posizione, indipendentemente dal fatto che la vostra risposta sia apparsa come uno dei tre o quattro annunci PAA originali o come il ventesimo annuncio generato dinamicamente.

Liberamente isporato e tradotto da:
‘People Also Ask’ boxes: Tips for ranking, optimizing and tracking (fonte Search Engline Land)

Redazione

Redazione

Lascia un Commento