Quali i tempi per l’indicizzazione di un articolo su Google?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Oggi, fra le mille cose in testa e possibili articoli, volevo parlare di tempo. Si, il tempo per un motore di ricerca. Molte volte si aspetta di vedere un risultato su Google, mentre questo non arriva in nessun modo, e allora perché?

Molte volte, un webmaster (user) lascia troppo poco tempo al motore di ricerca per poter svolgere il proprio lavoro, quello di indicizzare e dare una posizione dentro la propria SERP. Allora vediamo questi tempi, che sono abbastanza indicativi sempre.

In questo articolo parlerò sempre di indicizzazione su Google, quindi quando io dico tempi di indicizzazione intendo proprio il tempo che impiega il motore di ricerca a inserire il vostro sito web dentro il database proprio. Non confondete il posizionamento (che è una cosa totalmente diversa) dall’indicizzazione su Google.

Il tempo di indicizzazione su Google

Molte volte se un sito web non è indicizzato da qualche giorno, si pensa a qualche filtro o ban da parte di Google. In verità, i tempi di indicizzazione possono essere molto diversi. Dipende tutto dalla risorsa, blog, e fattori esterni.

Per esempio se noi abbiamo un blog come questo di SEO Training che ha qualche valore di trust come un dominio del 2010(almeno, in quanto uso WA), un valore non zero di PR ( il PR per me non ha valore SEO, ma un valore di indice per stabilire se il blog non è bannato, questo è solo un modo di vedere le cose mio, per ogni SEO è ovviamente diverso).

Giustamente l’indicizzazione da parte di Google avviene in modo più rapido rispetto al blog creato due giorni prima, senza nessun contenuto e almeno qualche valore/indice di gradimento da parte di Google.

Altro punto, importante per una buona indicizzazione sono i fattori esterni. Usare i social come twitter, G+ o Facebook aiuta in questo processo. Semplicemente quando si parla di twitter o altri social, i bot di Google sono molto presenti al interno di queste pagine, in quanto i contenuti vengono generati ogni secondo. Quindi lasciare un link che verrà seguito (anche se con un “nofollow” che in questo modo non avrà un peso in SERP, ma il bot di Google lo segue lo stesso) dentro tutti questi contenuti aiuta.

Altro fattore esterno, sono i backlinks. Cioè link di ritorno verso il nostro blog. Se il nostro sito web viene ricordato tramite un link dofollow ( la differenza di dofollow e nofollow è solo per il valore di posizionamento) il bot di Google passa anche sul nostro blog.

E allora, quando ci mette in media un sito ad essere indicizzato? Beh, non ci sono verità assolute, diciamo che ho avuto articoli che erano già dentro Google dopo 10-15 minuti dalla loro pubblicazione, fino a siti che ci hanno impiegato qualche settimana ( siti web nuovi, nessun lavoro di social o linkbuilding).

Se esiste la sitemap collegata con i Webmaster Tools di Google, se avete un account sui social network direi proprio che non è molto difficile vedere presto il proprio articolo dentro la ricerca di Google 😉

Redazione

Redazione

Lascia un Commento