Google rinvia il termine previsto per mobile-first a marzo 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Google First index a marzo 2021

A causa della pandemia, Google sposta la scadenza da settembre 2020

Google ha annunciato la decisione di dare ai webmaster, SEO, sviluppatori e programmatori più tempo per prepararsi al passaggio mobile-first. La scadenza è stata spostata da settembre 2020 a marzo 2021.

Prima. Google all’inizio di marzo, prima che iniziassero le misure di lockdown in gran parte del mondo, annunciava che la scadenza per il passaggio al mobile-first di tutti i siti sarebbe stata a settembre 2020. Google dichiarava: “Per semplificare, passeremo alla prima indicizzazione mobile per tutti i siti web a partire da settembre 2020“. 

Ora. Oggi che siamo ancora in balia di questa pandemia, Google ha spiegato: “Ci rendiamo conto che in questi tempi incerti non è sempre facile concentrarsi sul lavoro come in altri momenti, quindi abbiamo deciso di estendere i tempi fino alla fine di marzo 2021“. Non è una sorpresa. Google da mesi accennava al fatto che avrebbe potuto spostare la prima scadenza  mobile-first.

La maggior parte dei siti è già stata cambiata. La maggior parte dei siti sono già passati al mobile-first. All’inizio di marzo, Google ha dichiarato che “il 70% delle pagine mostrate nei nostri risultati di ricerca sono già stati modificati“. Sicuramente quel numero oggi è un po’ più alto. Infatti, tutti i nuovi siti sono indicizzati per default con mobile-first. Puoi controllare se il tuo sito è già ottimizzato accedendo alla Google Search Console.

Anni di lavoro. Google ha lanciato il  il processo di indicizzazione mobile-first nel 2016; ha poi continuato a lavorarci finora. Abbiamo avuto tutto il tempo per prepararci e non dovrebbe essere una sorpresa per nessuno. Google ha commentato che la indicizzazione mobile-firstè stata uno sforzo continuo di Google per diversi anni”.

Preparatevi. Se avete in gestione siti che non sono ancora migrati, Google evidenzia alcuni problemi sui quali dovreste indagare e che potrebbero impedire al sito di migrare automaticamente verso il mobile-first. Ecco un elenco riassuntivo di ciò che Google ha pubblicato, ma date un’occhiata al post di Google per maggiori dettagli:

  • Robots meta tags su versione mobile
  • Caricamento lento sulla versione mobile
  • Attenzione a ciò che si blocca
  • Assicuratevi che il contenuto primario sia lo stesso sul desktop e sul mobile
  • Controlla le immagini e i video, includendo:

          – Qualità dell’immagine

          – Attributi Alt per le immagini

          – Diversi URL di immagini tra versione desktop e mobile

          – Marcatura video (Video markup)

          – Posizionamento di video e immagini

Perché ci interessa. Anche se non è più necessario che il vostro sito sia pronto entro settembre 2020, bisogna prepararlo prima del prossimo marzo. È preferibile che la migrazione del vostro sito da parte di Google sia spontanea quando sarà pronto per i cellulari, piuttosto che forzare ad una indicizzazione  mobile-first. Se il vostro sito viene migrato prima della scadenza, significa che Google ritiene che il sito sia pronto e il posizionamento non subirà nessun danno.

Liberamente ispirato e tradotto da:
Google delays mobile-first indexing deadline to March 2021 (Fonte Search Engine Land)

Redazione

Redazione

Lascia un Commento