Google ha lanciato ufficialmente la sfida ai social network, facendo un balzo in avanti nella Social Search con Google +1 (si legge plus one) che nelle intenzioni di Mountain View è il diretto concorrente del fortunato Mi Piace di Facebook. Google plus one per votare i link in SERP rappresenta la prova di muscoli maggiore nei confronti del mondo social.

Come funziona Google plus one

Google +1 è attualmente in fase sperimentale, ed è possibile partecipare al programma iscrivendosi all’ Experimental Labs. Necessario un profilo Google, inoltre Google plus one è per il momento funzionante solo su Google.com (in inglese).

Ma in soldoni come funziona Google +1, dov’è la rivoluzione della Social Search? In un semplice click. Quando viene effettuata una ricerca, infatti, ciascun risultato presenta il pulsante Google plus one a lato.

In maniera non dissimile dal Mi Piace di Facebook, una volta cliccato il bottone Google +1, il voto viene associato pubblicamente al link. Possibile votare anche gli annunci di Adwords.

Inoltre, e qui sta un altro aspetto della Social Search, i voti espressi tramite il pulsante Google plus one sono visibili sui risultati di ricerca dei propri contatti di GMail, Buzz, Reader e Talk. L’elenco degli elementi votati è inoltre visibile sul tab apposito, tuttavia disattivabile, del proprio profilo Google.

Gli utenti che invece non fanno parte dei nostri contatti vedono il semplice conteggio dei voti ma non i votanti.

Come Google +1 influenza la SEO

Google plus one è destinato a diventare uno dei tanti fattori di posizionamento ma non a sostituire gli altri. Una delle ragion d’essere di Google +1 è la ridefinizione del targeting degli annunci da mostrare agli utenti.

Ma la principale motivazione della Social Search di Google è non cedere il passo a network sociali come Facebook, in grado di fagocitare il Web e invadere il settore di competenza della grande G: la ricerca di prodotti, servizi, persone, semplicemente domande.

In quest’ottica Google plus one rappresenta un nuovo oggetto di studio e al tempo stesso un nuovo strumento per i SEO.

2 risposte

  1. su come sarà possible fare economia di scala sulle azioni e come potrà diventare strumento di ottimizzazione ci sarà da ridere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *